La scuola dei dittatori

Silone Ignazio

Mondadori (2018)
14 €
 9788804701866

Nella primavera del '39, al termine di un viaggio di studio in Europa, arrivano a Zurigo due americani: Mr Doppio Vu, che molti ritengono il futuro dittatore d'America, e il suo consigliere, il professor Pickup, un ideologo inventore della pantautologia. Nei loro incontri con i personaggi ufficiali del fascismo e del nazismo non riescono ad apprendere nulla di nuovo sulle tecniche per la conquista del potere. Sarà invece un emigrato politico italiano, Tommaso detto il Cinico, esule antifascista, a fornire loro aiuto. Sotto forma di un "manuale per aspiranti dittatori", Silone ha composto un saggio per demistificare le forme di inganno e violenza che, anche in paesi e organismi che si definiscono democratici, insidiano la libertà dell'individuo.
@salvatoretaronna
26 ottobre 2019
Finalmente riedito il capolavoro di Silone. 4 personaggi ma su tre di essi si sviluppa la narrazione del romanzo/saggio. Due americani girano l'Europa in lungo ed in largo nel '39 all'apice delle fortune dei regimi totalitari fascista, nazista e comunista per carpirne i segreti e preparare la presa del potere in America. Durante una sosta in Svizzera prendono lezioni niente meno che da un esule italiano, antifascista sui generis, dando vita ad una situazione paradossale e grottesca. Attraverso i dialoghi l'autore sviscera gli aspetti decadenti della democrazia e del socialismo e i motivi che hanno portato al potere sistemi dittatoriali. Ricco di ironia il romanzo/saggio impartisce una lezione al lettore/cittadino, urgente non solo per l'epoca in cui fu concepito: è possibile resistere alla spinta conformista della Storia e della società. Da leggere...per riflettere.