Il danno

Hart Josephine

Feltrinelli (2018)
8.5 €
 9788807890857

Immediatamente, fin dalle prime frasi del romanzo, veniamo catturati dall'incessante lavorio di una mente sconvolta. È la mente di un uomo che si presenta con queste parole: "Non sono morto nel mio cinquantesimo anno. E ora poche persone, tra quelle che mi conoscono, ritengono che questa non sia stata una tragedia". Ed è quest'uomo, il protagonista, a narrarci la propria storia. La sua vita, dipanatasi su una superficie levigata - ha svolto una brillante carriera politica, ha sposato una donna intelligente e bella con la quale ha messo al mondo un figlio pieno di talento e una figlia dolcissima - è stata però costruita su un vuoto di passioni. È stato un "abile dissimulatore" che con facilità ha saputo svolgere il ruolo di figlio, marito, padre, politico, sempre con ottimi risultati. Fino a quando incontra una donna - strana, misteriosa e segnata dal proprio passato - che subito esercita su di lui un pericoloso potere. Un dominio sessuale e psicologico di fronte al quale egli soccombe senza riserve, nonostante lei l'abbia messo in guardia contro se stessa e lui sappia che rappresenta una minaccia per tutto il suo mondo poiché è la donna che il figlio intende sposare... Il libro da cui Louis Malle ha tratto il film omonimo.
@alessiacascino
05 agosto 2019
L'unico pregio e' la scrittura, anche se, spesso, sembra volutamente contorta nella costruzione della sintassi. Non ho carpito il senso di questo libro; vuole affrontare argomenti psicologici profondi (la maschera pirandelliana, volendo parlare per sommi capi), ma senza cognizione di causa. Il filo rosso che lega I personaggi e' un mistero, e non nel senso intrigante del termine: e' proprio la costruzione della trama ad essere carente, scontata in molti punti (e, non di rado, piena di cliche' e stereotipi ingessati) e inconsistente in altri. In una parola: grossolano.