Emil Cioran. La filosofia come de-fascinazione e la scrittura come terapia

Fiore Vincenzo

Nulla Die (2018)
17 €
 9788869151644

Nato nel 1911 in un villaggio sperduto fra i Carpazi, Emil Cioran già dal suo esordio letterario con "Al culmine della disperazione" dichiara di aver chiuso i conti con la filosofia. Il pensatore romeno non elaborerà mai una nuova dottrina o una visione del mondo, e rivendicherà per tutta la vita la sua "inutilizzabilità". Una strage delle illusioni e uno smascheramento senza pari nella storia delle idee, volti all'eliminazione del profeta che si nasconde in ogni uomo. Pertanto, la filosofia di Cioran non sarà altro che un esercizio di de-fascinazione e la scrittura si rivelerà una terapia volta a sopportare l'esistenza. Il testo ripercorre e analizza lo stretto rapporto fra biografia e pensiero in Cioran, soffermandosi sui temi teoretici del me phynai, di Dio e del suicidio. In appendice: una lettera inedita del filosofo, un articolo di Carol Prunhuber, e alcuni ritratti fotografici di Vasco Szinetar.
@leopoldbloom
03 agosto 2020
Pur soffrendo di depressione, Cioran, che nei suoi libri ha affrontato ripetutamente i temi del suicidio e del mal di vivere, in compagnia degli altri era spesso gioviale e spiritoso. Infatti, diceva: <>. Il saggio di Fiore analizza in questo saggio abbastanza bene le opere cioraniane, anche se le note lunghe rendono poco agevole la lettura. Peccato che per la bibliografia l'autore non si sia avvalso del criterio di mettere in ordine alfabetico gli studiosi che si sono occupati di Cioran, preferendo quello per data di pubblicazione del saggio. La consultazione risulta così non facile.